Statuto di Famiglia

Andare in basso

Statuto di Famiglia

Messaggio  Aster_x il Lun Feb 27, 2012 6:12 pm

Statuto della nobile casata Corleone

Il presente statuto va a regolare tutte le attività ed i comportamenti da tenere all'interno della famiglia, nonché i diritti ed i doveri di ogni famigliare. Tali regole vanno rispettate al fine di una adeguata e serena convivenza di tutti i familiari; qual ora non venissero rispettate il capo casato, in accordo con i restanti familiari, valuterà quali provvedimenti adottare.

1- Diritti e doveri
I seguenti diritti e doveri valgono per tutti i membri della famiglia che prestano fedeltà alla casata Corleone.

1.1 - Sul cognome
Hanno tutti il diritto di portare in firma il cognome della famiglia, anche inseguito ad un allontanamento dal casato.
Hanno tutti il dovere di indicarlo come primo cognome, qual'ora ve ne fossero due.

1.2- Sulla partecipazione e sul voto
Hanno tutti il diritto ed il dovere di partecipare alle discussioni ed alle votazioni che si tengono all'interno della famiglia.
Hanno tutti il dovere di partecipare agli eventi riguardanti la famiglia (GdR), salvo adeguata motivazione.
1.2 (bis)
Vi sarà una sede in cui si porranno gli eventi di famiglia che si tengono o si terranno, riguardanti la famiglia o semplicemente il soggetto. La famiglia ha il diritto e dovere di sapere i comportamenti pubblici dei componenti della famiglia. Saranno richiamati coloro che, nonostante sia stato reso pubblico il dovere di partecipazione o di comunicazione (matrimoni, nascite, fidanzamenti, manifestazioni familiari), abbiano evaso la loro partecipazione o comunicazione preventiva di almeno 7 giorni prima.

1.3- Sull'uso del blasone
Hanno tutti dovere a portare in firma il blasone di famiglia, escluse le persone che verranno allontanante dal focolaio domestiche inseguito all'espulsione.
1.3 (bis)
Hanno diritto di portare in firma il blasone di famiglia anche i famigliari che presteranno fedeltà ad un altro casato.

1.4- Sull'uso dei sigilli
Hanno i diritto ad usare i sigilli di famiglia, in modo consono, le figure interne che ricevono tale permesso dallo statuto.
Tutti gli altri famigliari dovranno chiederne prima l'autorizzazione al capo casato o chi per lui.

2- Le figure e ruoli interni al casato
All'interno della famiglia vi sono alcune figure con diverse funzionalità, essi non hanno poteri o diritti particolari, solo incarichi da svolgere con serietà.
I famigliari che svolgeranno questi compiti potranno in ogni momento chiedere il supporto di tutta la famiglia qual'ora si trovassero davanti a difficoltà di ogni genere.

2.1- Capo casato
Esso non ha compiti particolari, ne privilegi, ha solo il dovere di tenere unita la famiglia, fare da pacere in momenti di discordia, consigliare ed aiutare tutti i membri della famiglia, qual'ora ve ne fosse bisogno, per una crescita migliore sia individuale sia come Casato.
Ha diritto ad usare i sigilli di famiglia.

2.2- Delfino, o Erede
Il Delfino viene nominato dal Capo casato ed avrà il compito di sostituirlo in caso sua assenza o in caso di sua scomparsa fino all'elezione della nuova guida del Casato

2.3- Araldi di palazzo
Vi sono due figure araldiche all'interno del palazzo: l'Araldo ufficiale, che ha il compito di tenere i contatti con il CdA e con le altre famiglie.
Esso è affiancato da un araldo minore, il vice-Araldo, che ha il compito di supportare il primo nelle sue mansioni e sostituirlo in caso di assenza prolungata.
Ha diritto ad usare i sigilli di famiglia.

2.4- Cerimoniere
Esso ha il compito di presentarsi a tutti gli eventi in cui è invitato il Casato, portando i saluti di tutta la famiglia ed un dono, se l'occasione lo richiede.
Ha diritto ad usare i sigilli di famiglia.

2.5- Bibliotecari
All'interno del casato saranno nominati 1 o più bibliotecari, il cui compito sarà di tenere in ordine e aggiornati tutti i documenti di famiglia (Albero genealogico, patenti di nobiltà, certificati di battesimo e matrimonio, ecc..). Essendo molto il lavoro da svolgere, saranno nominati appunto più Bibliotecari che si divideranno il lavoro per argomento.

2.6- Ambasciatore di palazzo
Il compito del portavoce interno sarà quella di avvisare tutti i membri della famiglia, tramite pm ig, di eventuali discussioni importanti.
Si spera che tale persona abbia il minor lavoro possibile da fare dato che i famigliari dovrebbero essere attivi e partecipi senza doverli continuamente sollecitare a ciò.

3- Sulle riunioni
Il casato si impegnerà ad indire riunioni fisse per valutare e discutere dell'andamento dello steso e dei vari progetti di cui si è fatto carico.

3.1 Riunione mensile
Nell'apposita sala, Andamento del Casato, ogni mese i responsabili dei vari progetti che portano il nome Corleone o di cui il casato si fa tutore e garante dovranno riportare un resoconto sull'attività svolta, le difficoltà incontrate, ed ogni vari ed eventuale.
3.1 (Bis)
I resoconti dei progetti di famiglia andranno aggiornati ogni qual volta vi sia un cambiamento o evento degno di nota, anche prima dello scadere mensile.

3.2 Riunione annua
Si invitano i membri del casato a riunirsi per discutere sull'andamento generale dello stesso almeno una volta l'anno, possibilmente nei primi mesi dell'anno nuovo.
Sarà ovviamente facoltà del Capo casato, o chi per lui, di indire tale riunione.
Allo stesso modo non sono escluse un maggior numero di riunioni con cadenza più frequente o in ogni situazione che lo richiederà

4- Ingressi nel casato
Tutti gli eventi riguardanti l'entrata o l'allontanamento di un parente dovranno rispettare quanto segue e quindi essere narrate.
Si ricorda a tutti che l'ingresso in una casata nobile non va preso alla leggera, in quanto non sarà poi possibile uscirne e cambiare cognome in modo superficiale, si richiede quindi serietà da parte di tutti e meditazione riguardo a teli scelte. Non sono ammessi al casato coniugi o figli che vadano a ledere il buon nome della famiglia in termini nobili, quindi che possano essere briganti, rivoluzionari o qualsiasi attività che vada contro la legge.

4.1- Nascite ed adozioni
La nascita di un nuovo componente della famiglia deve avvenire successivamente ad un matrimonio in modo da assicurare al nascituro/a un nucleo famigliare sereno compreso da entrambi i genitori.
Le adozioni di orfani possono, al contrario, essere effettuate da chiunque, il casato è lieto di ospitare i giovani bisognosi di aiuto e conforto familiare.
4.1(bis)
I nascituri aventi i genitori di due casate differenti dovranno dichiarare, il più tempestivamente possibile, a quale casata giurano fedeltà.
In caso sia la casata Corleone avranno tutti i diritti ed i doveri elencati in questo statuto. In caso contrario avranno solo il diritto di partecipare alle discussioni, ma non di votare e ricoprire ruoli all'interno della famiglia.

4.2- Mogli/mariti e fidanzate/i
A seguito di regolare e certificato matrimonio i consorti avranno diritto a partecipare alle discussioni di famiglia in questa sede, senza però avere diritto di voto.
Le fidanzate o i fidanzati, al contrario, non avranno l'autorizzazione ad entrare a far parte della famiglia.
4.2 (bis)
In caso il consorte non appartenga precedentemente a nessun casato le verrà offerta la possibilità di adottare il cognome Corleone, avendo quindi tutti i diritti ed i doveri elencati in questo statuto.
Non toglie però la possibilità di entrare, successivamente, in un altro casato, in tal caso dovrà dichiarare a quel casata andrà la sua fedeltà.

4.3- Allontanamento di un familiare
I famigliari che si macchiano di atti indegni ed infamanti potranno essere allontanati dal casato inseguito ad una discussione tra tutti i membri della famiglia, dove verrà data la possibilità al familiare macchiatosi di atti indegni di difendersi e spiegare le sue ragioni. Solo in seguito verrà aperta la votazione per decidere del futuro del parente.

5- Libertà di culto e libertà politica
Tutti i membri della famiglia hanno libertà di professare la propria religione e di seguire il proprio ordinamento politico, attenendosi però a quanto segue.

5.1- Discussioni
Vi è libertà di discutere su tutti gli argomenti, tenendo però toni pacati senza innescare litigi e/o provocazioni offendendo o denigrando chi porta ragionamenti differenti dal proprio.

5.2- Propaganda e conversione
E' severamente vietato effettuare, all'interno del casato, propagande politiche, richiedendo il voto ai famigliari o tentare di spingere un familiare di altro credo alla conversione.

6- Eventi mondani e GdR
Tutti i parenti, in quanto facenti parte di una casata nobile, sono tenuti a partecipare agli eventi riguardanti la famiglia con il massimo impegno possibile.

6.1- GdR Epistolare
Il casato tutto si impegnerà a portare avanti costantemente la storia delle terre in possesso della famiglia tramite le brevi storie del "GdR epistolare", seguendo le direttive dello stesso.

6.2- Eventi mondani
Il casato tutto si impegnerà a proporre al pubblico ed alle altre famiglie eventi mondani per instaurare rapporti di amicizia con le altre famiglie, quali mostre d'arte, balli, cene, ricevimenti, ecc...

6.3- Sulla partecipazione ai GdR
Tutti i parenti sono tenuti a partecipare e svolgere i propri GdR con la massima serietà, senza interventi sbrigativi di poche righe o, peggio ancora, GdR interi di pochi post; con il solo intento di eludere tale pratica.

6.4- Sui fidanzamenti
Il fidanzamento è una cosa importante che precede il matrimonio, essendo il nostro un casato nobile il fidanzamento non deve essere preso alla leggera. Pertanto per permettere alla futura coppia di conoscersi meglio e prepararsi alla vita coniugale il periodo di fidanzamento sarà di un mese minimo.
6.4 (bis)
Il fidanzamento femminile: Le fanciulle Corleone a differenza dei maschi per il fidanzamento devono seguire delle procedure. Il pretendente deve giungere al palazzo della fanciulla dove dovrà chiedere il permesso al padre o eventualmente a chi è sotto custodia la possibilità di frequentare la suddetta fanciulla, ed eventualmente di sposarla trascorso un mese.

7- Modifica dello statuto
Il presente statuto è modificabile in ogni sua parte da parte di qualunque famigliare che lo riterrà opportuno, attenendosi a quanto segue.

7.1 Modalità di modifica
Le modifiche allo statuto dovranno avvenire nel modo seguente:
- Presentazione e proposta di modifica.
- Discussione tra tutti i membri del casato.
- Votazione, nel caso non si trovi un accordo unanime.
- Approvazione del nuovo statuto.
- Approvazione del capo casato, o di chi per lui.

7.2- Punti non modificabili
Il paragrafo 3 non è possibile da modificare nella sua interezza; un casato nobile è tenuto a narrare ogni evento riguardante i propri famigliari (nozze, nascite/adozioni, decessi); sopratutto le nascite/adozioni in quanto, in caso venisse a mancare la storia che ne attesti la parentele, tale persone non potrà essere riconosciuta dal CdA e quindi non potrà essere presa in considerazione in caso di eredità.

8- Modalità di voto
Il casato effettuerà votazioni in tutti i casi i quali non si arriverà ad un accordo unanime.
Tutte le votazioni dovranno tenersi rispettando i punti che seguono, siano espulsioni, modifiche dello statuto o nomine dei ruoli interni.

8.1- Voto dichiarato
Tutte le votazioni si effettueranno tramite sondaggio, per facilitarne il conteggio, questo però non esula da dichiarare il proprio voto, come contro prova, postando la propria opinione.

8.2- Scadenza
Le votazioni avranno durata variabile a seconda dell'importanza, da un minimo di 3 ad un massimo di 7 giorni.
I voti che giungeranno oltre la scadenza non verranno presi in considerazione.

8.3- Maggioranza
La maggioranza sarà avvallata dal 50%+1 dei votanti; in caso di parità il voto del capocasato, o chi per lui, conterà doppio.

9- Le eccezioni
Vi possono essere tuttavia, in alcuni casi, eccezioni allo statuto per singolarità di eventi, essi però non devono divenire la consuetudine.
Le eccezioni potranno riguardare tutti i punti dello statuto eccetto il paragrafo 3 riguardante le entrate, che dovranno essere tutte regolate come esposto.

9.1- Mancanze dello statuto
Lo statuto non può, per forza di cose, comprendere tutti gli eventuali casi che capiteranno, in tal caso si provvederà ad una discussione tra tutti i familiari del casato.
Se lo si riterrà opportuno, l'eccezione/mancanza potrà essere integrata allo statuto andando a modificare lo stesso.

_________________
avatar
Aster_x
Admin

Messaggi : 93
Data d'iscrizione : 26.07.10

http://casatocorleone.forum-ativo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum